I decoder TELEPIU' - TELEPIU.net

Vai ai contenuti

I decoder TELEPIU'

Ho letto che le trasmissioni analogiche di Telepiù venivano codificate in Irdeto, una delle famose aziende che produce sistemi di criptaggio del segnale televisivo tutt'oggi (per l'analogico di quel tempo le altre famose erano Nagravision Syster, usato dalla francese Canal+, Discret utilizzato da RAI, e l'altrettanto famoso Videocrypt utilizzato dalla britannica Sky). Il criptaggio analogico in Irdeto dava comunque la possibilità, allo spettatore non abbonato, di intraverdere cosa veniva trasmesso in quel momento, nonostante l'immagine senza decoder risultasse in negativo/positivo, in movimento, bianco e nero e colori altalenanti, tutto alternato continuamente (ricordo però che "giocando" con la sintonia fine del mio piccolo TV riuscvo a stabilizzare l'immagine che si, ballava molto meno, ma rimaneva in negativo e tremolante in modo leggero, e se ti accontentavi.....); non era senz'altro come avviene per il segnale di oggi, digitale, che essendo formato da una serie di 0 e 1 si può fare in modo che una trasmissione codificata risulti, al non abbonato, senza video ne audio.
Per quanto riguarda l'audio ricordo che i primi tempi, a trasmissione codificata, si poteva sentire lo stesso come fosse una trasmissione normale. In seguito fu digitalizzato (per il servizio del doppio audio specie nei film: lo spettatore poteva scegliere se ascoltare il film con audio Italiano oppure in lingua originale). Con la digitalizzazione dell'audio sparì l'audio Italiano, nella trasmissione codificata al non abbonato, per fare posto a messaggi pubblicitari (che quindi gli abbonati non sentivano) in primis, in seguito l'audio, durante le trasmissini codificate fu tolto del tutto.
Una volta abbonato fui dotato di decoder. Il mio primo decoder. Era marcato DT1000, ed aveva forma squadrata. Aveva dei tasti rettangolari, sottili, un display digit a due cifre che indicava il numero di canale sintonizzato in quel momento, e due led indicanti la traccia audio scelta. Sul retro non aveva la classica presa SCART bensì due prese DIN. Tali prese facevano le stesse funzioni della presa SCART, ma a quel tempo era necessario reperire il cavo apposito (DIN - SCART) per collegarlo al TV, altrimenti si utilizzava la presa antenna in uscita per collegarlo all'ingresso antenna del TV. Si trattava del primo modello proposto dalla Pay TV, e purtroppo non fa parte della mia collezione, anche perché mi fu sostituito per un guasto. In rete non si trova alcuna foto di questo modello. Peccato, perché volevo inserirla in questo sito, per tenere memoria di quei tempi. Come fare? ......
Poiché in quegli anni i sistemi di codifica non erano molti, e l'analogico non è versatile come il digitale, ho pensato che Telepiù non fosse l'unica Pay TV ad utilizzare tale codifica. Cercando tra le immagini ed i filmati in rete ho scoperto che FilmNet, della società Multichoice, è stata una Pay TV, operante dall'anno 1980 sino al 2000, che codificava i propri programmi in Irdeto analogico. Come per magia, cercando il decoder di FilmNet ecco il primo decoder che mi fu dato per Telepiù:

Certo, questo sopra in realtà è il decoder di FilmNet, marcato Delta 9000, ma quello che mi fu dato alla stipula dell'abbonamento era proprio quello rappresentato nella foto sopra, senza il logo "Multichoice" ovviamente. Trattandosi della stessa azienda produttrice del sistema di criptaggio c'era da aspettarselo, e se qualcuno lo ha e se ne vuole disfare chiedo di contattarmi (verrà citato e ringraziato su questo sito). Questo modello di decoder, così come i DT1000 e 2000 stondati, viene anche citato come Cablecrypt, il nome del sistema che si occupa di rendere non perfettamente visibili le immagini ai non abbonati.
Il tuner di questo decoder si guastò dopo qualche tempo e il decoder iniziò a non agganciare bene il segnale. Mi fu sostituito sempre con un modello DT 1000, ma esteticamente diverso:

Il DT 1000 più stondato durò molto più tempo. Non ho mai capito la differenza tra i due DT 1000; il funzionamento era identico, ed anche il telecomando era compatibile, infatti ricordo che mi fu sostituito soltanto il decoder. Immagino che la differenza stava nella versione di scheda madre interna.
A casa di un amico vidi lo stesso decoder stondato ma marcato DT 2000. Anche qui credo fosse la versione di scheda madre a fare la differenza (miglioramenti di stabilità elettronica e risoluzione di bug), aveva stessa estetica e stesso telecomando, l'unica differenza appunto era il marchio DT 2000. Nessun riferimento viene fatto, in rete, sui decoder stondati per la Pay TV FilmNet di Multichoice, quindi penso che questi modelli erano destinati esclusivamente alla nostra Telepiù. Ciò non toglie che potendo effettuare un controllo all'interno magari scopriamo che i modelli stondati contenevano la stessa scheda madre di quelli squadrati, e che cambiarono involucro per renderlo univoco per il nostro paese.....


L'ultimo modello di decoder in circolazione, e che ho ancora, era marcato ComCrypt 4000, si tratta del progetto Cablecrypt 2, rinominato poi ComCrypt. Era molto più piccolo come dimensioni, rispetto ai predecessori DT 1000 e 2000. Aveva due prese SCART sul retro al posto dei connettori DIN. I pulsanti erano tondi e, come per il primo DT 1000, erano colorati per agevolarne la distinzione. Eccolo:
Sicuramente si tratta di una reingegnerizzazione del DT 1000, molto più piccolo, ma stesse funzioni, stesse prestazioni. In rete si trovano alcune varianti del ComCrypt 4000, come ad esempio la versione I, scritta di bianco accanto al numero 4000, e la versione M, scritta di blu, sempre accanto al numero 4000. Anche in questo caso credo si tratti delle diverse versioni di scheda madre per rinnovamenti tecnologici e risoluzione bug. In rete si trovano notizie di questo decoder anche per la Pay TV FilmNet di Multichoice.

Prosegui la storia con "Telepiù - La codifica"
I loghi e i Jingle di TELE+1, 2, e 3 sono di proprietà
Sky Italia S.r.L.
TELEPIU.net Ver. 0.1 - Webmaster Riccardo D.
Torna ai contenuti